lunedì 30 dicembre 2013

struffoli con il miele e buon anno


Guardo nelle ricette di Natale postate e vedo
che non c'è il post degli struffoli
come è possibile non ho postato il dolce più
buono di Natale
poi rifletto e mi accorgo che lo scorso
anno non li ho preparati
gli anni precedenti  non avevo il blog 
quindi mancano gli struffoli
provvedo subito a postare questa ricetta
visto che quest'anno li ho preparati dopo
tante insistenze.
Gli struffoli non so perchè si chiamino così
sono delle palline di pasta passate
nel miele decorate con confettini di vari
colori e dimensioni
non tutti li preparano perchè hanno una
preparazione e cottura che richiede un pò 
di pazienza, ricordo che quando ero piccola
mia mamma li preparava per noi ma anche per
sua madre e le sue sorelle che odiavano
farli, mentre lei cuoceva gli struffoli io
ne mangiavo ogni tanto qualcuno anche se non 
ancora condite di miele, erano buonissimi,
in alcuni panifici delle zone buone di Napoli 
vendevano gli struffoli cotti 
ma non conditi con miele 
per cui chi non amano friggere 
poteva comprarle 
e poi condirli a suo piacere
oggi o meglio quando ero a Napoli 
io come mia mamma li preparavo per noi 

era quasi d'obbligo prepararli altrimenti
non era  Natale, era ed è un rito
l'unico anno in cui non ho mangiato 
gli struffoli in tutta la mia vita è stato lo
scorso anno perchè non li ho preparati non
saprei dire sta di fatto che un pò di tempo 
prima che arrivassero le vacanze natalizie 
mia figlia un giorno si ed anche l'altro 
mi ricordava  che si avvicinava Natale e 
io avrei dovuto  fare gli struffoli, e li
ho fatti e sono anche finiti
che buoni, da fare speriamo che non mi 
chiedono di rifarli
vediamo cosa ci occorre
per gli struffoli
4 uova
4 cucchiai di olio evo
4 pizzichi di lievito per dolci
4 etti di farina 00 
per la cottura
olio di semi di arachidi 
per la decorazione
3 etti di miele
2 di zucchero
il succo di 1 arancia
confettini colorati
argentati
prepariamo gli struffoli
impastiamo tutti gli ingredienti
fino ad avere un composto omogeneo
infiliamolo in una bustina per i surgelati
e lasciamolo riposare tutta la notte
il giorno dopo su di un piano di lavoro 
infarinato dividete l'impasto in 4 parti
stendete ogni parte in un filoncino sottile
come una matita 
tagliate in pezzi lunghi una falange
friggete in una pentola alta
girando in continuazione 
appoggiate in una larga ciotola
quando avete fritto tutti gli struffoli
in una padella larga versiamo il miele
lo zucchero e la premuta d'arancia 
fate sciogliere  il miele  e lo zucchero
lasciate sfumare la schiuma
versate gli struffoli
girate velocemente cercando di coprire
tutte le palline con il miele
versate su di un piatto
se volete dare la forma a ciambella
mettete al centro un'arancia
tutto intorno versate gli struffoli
oppure a montagna
versate tutti gli struffoli nel centro
e cadranno ai lati liberamente
sopra versate confettini vari
lasciate raffreddare
servite tagliando a fette
BUON ANNO A TUTTI
A CHI MI SEGUE
A CHI PASSA PER CASO
A CHI PASSA SPORADICAMENTE
A CHI MI SOSTIENE
A CHI MI SOPPORTA
A CHI MI PERMETTE DI CONTINUARE
A CHI APPROVA 
ED ANCHE A CHI DISAPPROVA

sabato 28 dicembre 2013

albero con farina di castagne accompagnato da crema pronta Polenghi

prima tranche di feste andate tutto torna quasi  alla normalità
soprattutto in cucina che in questi giorni
l'ha fatta da padrona.
Spero che la seconda tranche di feste vada
bene come sia andata la prima parte
questo per dire che Natale è andata bene 
non pensavo perchè eravamo noi quattro 
in più il moroso di mia figlia che trovandosi da solo lo abbiamo invitato a trascorrere con noi queste giornate di festa.
Beh, adesso lo ringrazio e ringrazio mia
figlia che non si è voluta spostare
abbiamo trascorso delle giornate veramente
belle avere una sola persona come ospite ti
fa sentire in compagnia e allo stesso tempo
non ti dà il peso di tanta gente,  tanta 
confusione. Grazie
Vediamo invece per preparare questo dolce che
ho proposto qualche giorno fa cosa ci occorre
ho usato lo stampo ad albero perchè in tema 
natalizio;
ho utilizzato la farina di castagne invece 
delle castagne lesse passate,
la torta rimane morbida ed è piaciuta proprio a tutti anche alla brontolona di mia figlia;
l'ho servita con questa crema pronta
donatami dalla Polenghi
ottima, sembra fatta a posta per questa torta

ora vi passo la ricetta
120 gr di cioccolato fondente
50 gr di burro
4 uova + un albume
6 cucchiai di rum
50 gr di marron glacies
oppure pezzetti di cioccolato
sale
come si fa
per la crema pronta Polenghi
1 busta di preparato
la confezione ne contiene 2)
300 ml di latte
montate con lo sbattitore fino ad ottenere
una crema liscia ed omogenea
conservate in frigo
per la torta
tritate il cioccolato e fatelo sciogliere
a bagnomaria con il burro
aggiungete la farina di castagne
poi il rum
mescolate
separate i tuorli dagli albumi
montate i tuorli con lo zucchero
unitelo al composto di cioccolato
aggiungete i pezzetti di cioccolato 
o marrons a glacies
aggiungete gli albumi montati 
precedentemente a neve
mescolate dal basso verso l'alto
facendo attenzione a non smontare il composto
versate inuno stampo precedentemente
imburrato
in forno a 180° per 50 minuti
sformate il dolce
sistemate sul piatto di portata e decorate
io ho decorato con zucchero in granella
dove lo stampo mi dava in rilievo le palle
di Natale 
servite accompagnato dalla crema Polenghi

Partecipo ai contest con questa ricetta
 deliziandovi. contest-christmas-time/
 http://gattoghiotto.blogspot.it/2013/12/4-anni-di-blog-e-super-mega-contest.html

venerdì 27 dicembre 2013

scaloppe di petto di tacchino con carciofi

cosa ci occorre
petto di tacchino
farina senza glutine q.b.
sale
olio
carciofi surgelati
succo di limone Polenghi
come si prepara
infarinate le fette di tacchino
lasciatele cuocere in una padella
 antiaderente oliata in precedenza
aggiungete i carciofi
spruzzate abbondante succo di limone
salate
lasciate cuocere eventualmente con coperchio
servite
con questa ricetta partecipo 
  al friday gluten free

mercoledì 25 dicembre 2013

anello al caffè ed albumi glassata al cioccolato


Sono in ritardo come sempre, tanta confusione
nella bacheca, questo dolce che avevo
realizzato per partecipare al contest sul
caffè lo posto oggi che è una delle giornate
più importanti dell'anno,comunque ė un dolce
che volendo può andar bene anche per natale
la forma ad anello è una  forma semplice ma
elegante, mi è piaciuto  subito 
questo stampo essenziale classico; 
la copertura al  cioccolato fondente
golosa che fa da contrasto ma prima di 
aggiungerlo sulla torta ho tolto la crosta che poi ho sbriciolato sul cioccolato,buona,
adatta ad ogni momento della giornata 
accompagnata da un caffè fumante o un caldo tè verde o bianco secondo come si preferisce.
Auguro a tutti Voi   Buon Natale
Vediamo cosa ci  occorre
250 gr di albumi
200 gr di burro morbido
150 gr di fruttosio
20 gr di caffè espresso
200 gr tra caffè espresso e latte
400 gr di farina 00 il Molino Chiavazza
1 bustina di lievito
cioccolato per glassare
prepariamo la torta
montate gli albumi a neve ferma
in un 'altra ciotola montate il burro 
ed il fruttosio
aggiungete il caffè
il latte con il caffè
alternandolo con la farina ed il lievito
mescolate
aggiungete gli albumi montatati
girando dal basso verso l'alto
versate in una teglia ad anello di 26 cm
imburrato in precedenza
in forno a 170°per 50 minuti
sciogliete il cioccolato
versatelo sull'anello 
lasciate raffreddare servite 
partecipo al contest Tutti i sapori del caffè 

http://cinziaaifornelli.blogspot.it/2013/10/1
-contest-tutti-i-sapori-del-caffe.html
http://zibaldoneculinario.blogspot.it/

lunedì 23 dicembre 2013

Nadalin in versione veloce

Il Natale è alle porte non mi sembra vero 
mancava tanto tempo e adesso siamo alla 
vigilia ed io non ho fatto nulla,
ho trovato questa ricetta tipica di
Natale della regione veneta
Nadalin penso che in dialetto veneto significhi Natale
è un dolce che sa di tradizione antica
inventato nel duecento a Verona per 
festeggiare il Natale sotto la Signoria della famiglia Scala, può essere considerato 
l'antenato del pandoro.(Wikipedia)
Io ho apportato qualche modifica la prima 
essenziale invece del lievito di birra ho
usato lievito per dolci, quindi l'attesa non
c'è, una volta preparato il dolce va
direttamente nel forno poi ho aggiunto del 
sorbetto al limone Polenghi
il dolce è risultato cremoso e vellutato
metto in forno e mentre scrivo si inizia a
sentire un profumino invitante
complimenti ai veronesi per questa creazione
spettacolare, golosa e super buona,
lo trovo adattissimo per la colazione 
ma vediamo quali sono 
gli ingredienti che ci occorrono
500 gr di farina 00 il Molino Chiavazza
175 gr di burro morbido
150 gr di zucchero
4 uova
2 dl di latte
1 bustina di lievito per dolci
io ho anche aggiunto 2 dl circa di sorbetto 
al limone Polenghi
mandorle a lamelle
zucchero a velo
come si prepara
montare zucchero e burro
una volta gonfio aggiungere un uovo 
alla volta
poi la farina ed il latte
il lievito ed infine il sorbetto al limone
imburrare una teglia
versare il composto
io ho scelto la stella cometa  
e 4 mini ciambelline
in forno per 30 minuti a 190° 
spennellare con un goccio di acqua e
aggiungere la mandorle a lamella
lasciar asciugare spolverizzare con lo
zucchero a velo
offro questo dolce della tradizione natalizia
 veneta al "Il Molino Chiavazza"
con questa ricetta partecipo al contest
           ricordi-del-natale
                  BUON NATALE

sabato 21 dicembre 2013

roccocò

A Natale per me è impossibile non preparare
i roccocò, dolce tipico campano, un dolce 
della tradizione natalizia;
taralli con le spezie e le mandorle,
un insieme di spezie chiamato pisto con 
l'ammoniaca che può essere anche omessa.
Quando ero piccola mia nonna preparava
i roccocò si riuniva con le cugine, la
sorella e andavano da chi aveva un grande 
forno che funzionasse a legna
a noi il prodotto pronto senza che avevamo
 visto la preparazione o sentito gli odori
delle spezie,quelli che invece sento adesso
mentre i roccocò sono in forno ed io a 
scrivere , dolci buoni, buonissimi che in
Campania vendono le pasticcerie ma per chi è
fuori non resta che prepararseli se li vuole
assaggiare.
Vi do la ricetta se qualcuno vuole cimentarsi
in questa preparazione semplice di biscotti 
con spezie e mandorle
per circa 30 roccocò 
 1 kg di farina 00 il Molino Chiavazza
600 gr di zucchero semolato
ce ne vorrebbero 800 gr circa
6 gr di  pisto composto da noce moscata,
cannella,pepe bianco e chiodi di garofano
400 gr di mandorle tostate
4-5 arance premute 
se necessario acqua calda
in realtà ci vorrebbe tanta acqua quanta ne 
assorbe la farina fino ad avere un impasto
consistente, io come mia nonna metto il 
succo d'arancia
si può aggiungere il cedro e l'arancia
candita  ma a noi non piace
si mescola il tutto
si formano dei cerchi schiacciati
si appoggiano sulla carta forno
si pennellano con uovo battuto
in forno per 20 minuti circa
caldi sono morbidi poi raffreddandosi si
induriscono
se aggiungete 1 gr di ammoniaca vengono morbidi
si possono tritare una parte delle mandorle
con questa ricetta partecipo al contest
della Cultura del frumento
               i ricordi del Natale


mercoledì 18 dicembre 2013

bocconcini con farina di carruba home made

75  gr di farina di carruba io home made
200 gr di zucchero
70 gr di burro
50 gr di nocciole tritate
2 uova
120 gr di biscotti
come si fa
lavorate il burro fino ad avere una crema
incorporate 100 gr di  zucchero
mescolate energicamente
aggiungete i biscotti tritati
e le nocciole tritate
mescolate
mettete il composto in frigo per 30 minuti
formate con le amni delle palline grandi 
come ciliege
mettete lo zucchero rimasto in un piatto
passatevi le palline
rimettete in frigo per 3-4 ore
servite
possono essere confezionati in sacchettini
ottimo regalino per Natale o anche da
servire quando viene qualcuno per gli auguri
partecipo a questi contest
             lamiacucinaimprovvisata

martedì 17 dicembre 2013

farina di carruba home made


ho comprato alla Coop le carrube 


sono andato in giro nel web e alla fine
 ho trovato questo sito che già conoscevo e
spiega come fare la farina di carrube in casa
vi spiego:
prendere le carrube e metterle a congelare
per 2 ore  poi farle cuocere  nel forno 200°
per 15 minuti
tagliarle a pezzi e tritarle fino a 
diventare polvere con il mixer
io ho setacciato la polvere e subito usata.
Nel tagliare a pezzi bisogna togliere i semi 
che vanno tritati a parte.
Devo anche aggiungere che quando le bacche
si raffreddano diventano dure ed è difficile
spezzarle.
Le carrube sono dei frutti e qualcuno afferma
che siano legumi che hanno molte proprietà, 
sono ricche di ferro e magnesio sostituiscono
il cacao e possono sostituire(non so come)lo 
zucchero
i semi invece tritati in farina sono
addensanti,quest'estate l'ho usata per
addensare i gelati è risultata ottima.
Chiudendo il barattolo con un grosso tappo 
di sughero e qualche fiocchetto è un ottimo 
regalo di Natale 
per cui con questa preparazione partecipo
al contest 
http://www.acquaementa.com/contest-idee-da-regalare/



sabato 14 dicembre 2013

torta di pere, panna e caffè



ho montato con il frullino 2 uova 
150 gr di miele
ho aggiunto 1 bauletto di panna
sempre continuando a montare 
ho aggiunto 2 etti di farina 00
il Molino Chiavazza
 1 bustina di lievito
mescolato ben bene
ho foderato di carta forno bagnata una teglia 
per crostata da 28 cm di diametro
ho versato un pò più della metà dell'impasto
ho livellato
al restante impasto ho aggiunto  6 cucchiaini
di caffè
mescolato
versato sopra all'altro impasto
ho tagliato 3 pere mature a fettine
ho ricoperto l'impasto con le fettine di pera
in forno a 180° per 40 minuti
una volta freddo ho spennellato un pò di 
nutella sul dolce



venerdì 13 dicembre 2013

salatini di sfoglia con caprini o salmone

più che una ricetta è un 'idea per l'aperitivo
veloce e stuzzicante per ricordare
Santa Lucia protettrice degli occhi in suo
onore questi salatini che ricordano appunto
gli occhi.Felice giornata a tutti e buon
aperitivo.Stendiamo la sfoglia
tagliamola in strisce con la rotella
al centro di ogni striscia appoggiamo
un'oliva ed arrotoliamo.
2 rotoli di pasta sfoglia
2 caprini a pezzetti
1 etto di salmone fresco a pezzetti
srotoliamo la pasta sfoglia
tagliamo tanti triangoli
farciamo con cucchiaino di caprino e spolverata di pepe 
oppure con pezzetto di salmone fresco
così nature
arrotoliamo
appoggiamo sulla carta forno
in forno a a 200° per 15- 20 minuti

lunedì 9 dicembre 2013

noci con crema al cioccolato

farina donata dalla ditta il Molino Chiavazza
dal libro"dolci e biscotti" io cucino della Mondadori subito usato, ho trovato questa ricetta di" baci di dama al cioccolato" ma io volevo anche usare le nuove formine a forma di guscio di noce della TESCOMA che avevo appena comprato è quindi ho fatto una leggera variazione, vi passo la ricetta poi decidete voi se volete fare i baci di dama o le noci oppure niente vi accontentate di guardare i miei dolcetti.Io ho usato la farina del "il Molino Chiavazza" quella di grano tenero 00 con lievito, la ricetta prevedeva 1 cucchiaino di lievito ,a dire il vero non avevo mai usato  prima la farina arricchita di lievito poi da quando il Molino Chiavazza mi ha omaggiato dei suoi prodotti ne ho potuto apprezzare la comodità ma anche il risparmio se proprio vogliamo essere fiscali ma adesso vi passo la ricetta:
ingredienti
200 gr di farina 00 con lievito il Molino Chiavazza
140 gr di burro
40 gr di nutella
60 gr di zucchero
1 uovo
1/2 cucchiaino di essenza  di vanillina
per la farcitura al cioccolato
200 gr di crema alla nocciola
preparazione
Portate il forno a 150°
per la pasta
lavorate il burro con lo zucchero,la nutella 
e la vaniglia  fino ad avere una crema
aggiungete l'uovo e la farina
amalgamate
prendete un cucchiaino di composto  e posizionatelo nelle formine
se volete farli più scuri aggiungete più nutella e meno burro
se invece volete fare i baci di dama
passatevi nelle mani un cucchiaino di composto
poggiatelo sulla teglia ricoperta di carta forno
in forno per 18-20 minuti
toglieteli dal fuoco
toglieteli dalle formine
farcite con un pò di farcia
lasciateli singoli o accoppiateli due a due io non le ho accoppiate
io ho usato queste formine
Dichiaro che il materiale da me inviato non è protetto da copyright o altri diritti, nonproviene da pubblicazioni (web o cartacee) di proprietà di altri ed è quindi liberamente pubblicabile. Sollevo l’autore del blog “Crema e panna” da qualsiasi responsabilità inproposito e rinuncio a qualsiasi tipo di richiesta economica. Acconsento alla pubblicazione sul blog sopra menzionato ai fini della partecipazione al contest “Nutella forever”. 
partecipo al contest

http://cremaepanna.blogspot.it/2013/09/terzo-contest-la-nutella.html

domenica 8 dicembre 2013

fagioli alla messicana

ricetta molto invernale
da fare quando arriva il freddo 
e viene voglia di scaldarsi
 vediamo cosa occorre
fagioli bianchi lessati
salsiccia a pezzi
salsa di pomodoro
olio
sale
semplicissima la preparazione
in una larga casseruola si mettono tutti 
gli ingredienti
si lascia cuocere per 15 minuti circa
se necessario si aggiunge 
mezzo bicchiere d'acqua
si serve con pane abbrustolito

NOTE 
si può aggiungere il peperoncino
 ALTRA VERSIONE
se si vuole si può far soffriggere 
la cipolla nell'olio
si versano i fagioli che si lasciano cuocere
poi si aggiunge il pomodoro 
e se necessario
mezzo bicchiere di acqua
Partecipo al contest con questa ricetta

dall'archivio idee adatte alla stagione

La tarte mediant

ecco ci siamo il periodo più in.... dell'anno insostenibile per alcuni, inebriante per altri incasinato,in......qui aggiungete tu...