sabato 30 marzo 2013

LA PASTIERA:OVVERO INNO ALLA PRIMAVERA

La Pastiera,accompagnò le feste pagane per celebrare l'arrivo 
della primavera.
L'uovo simbolo della vita;
il grano o farro usato durante le nozze romane.
La versione più recente fu inventata probabilmente, come
 la maggior arte dei dolci napoletani, in un monastero,una 
suora volle simboleggiare la Resurrezione,aggiungendo 
il profumo dei fiori di arancio pianta presente nel  giardino
 del suo convento.
Si dice che le suore del convento di San Gregorio Armeno
 erano reputate maestre nella complessa manipolazione della 
pastiera e nel periodo pasquale ne confezionavano in gran 
numero per le famiglie patrizie e della ricca borghesia.
Oggi ognuno ha la sua ricetta di famiglia che reputa la migliore,
 a mio giudizio sono tutte buone perchè è un dolce squisito 
che ti permette di fare piccole variazioni senza cambiare la 
sostanza.
La regola vuole che sia preparata  tra Giovedì santo  e Venerdì
 per permettere agli aromi di amalgamarsi in un unico sapore,
 a tavola viene presentata nella sua teglia caratteristica: alluminio 
leggero alta 3 centimetri circa e lì si taglia a fette poichè è molto 
fragile si rischia di romperla e anche se dovete regalarla lo si fa 
regalando anche la teglia.
 (tratto da  "Il grande libro della Pasticceria Napoletana")
Vi do la ricetta, dopo un pò di storia passiamo al concreto
Ingredienti per la pasta frolla
300 gr di farina
150 gr di burro
150 gr di zucchero
3 uova

Preparate la pasta frolla anche qualche giorno prima


Formate con la farina una fontana sul piano di lavoro 
oppure mettetela nella planetaria
aggiungete lo zucchero, le uova
impastate per pochi secondi cercando di amalgamare
 le uova 
 infine aggiungete il burro morbido
impastate velocemente
formate una palla o un rettangolo( più comodo per stenderla)
mettetela in frigo a riposare per qualche ora.

Dal barattolo del grano F.lli Rebecchi ho preso la ricetta

per il ripieno e per la farcia

Ingredienti per la cottura del grano

1 barattolo di grano (circa 500 gr)
250 gr di latte
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale
limone grattugiato
1 fialetta ai fiori d'arancio

Preparazione


In una pentola versate il grano 

e tutti gli ingredienti mensionati sopra
lasciate cuocere fino a completo assorbimento del liquido
si formerà una cremina, va benissimo,
lasciate raffreddare
nel frattempo preparate la farcia

ingredienti per la farcia

500 gr di ricotta di pecora

6 tuorli
500 gr di zucchero io 300 gr
70 gr di macedonia di canditi
2 bustine di vanillina
la scorza grattugiata del limone
la  fialetta di fiori d'arancio
preparazione della farcia

mescolate tuorli e zucchero aggiungete gli aromi 

ed infine la ricotta a parte mescolata
aggiungete adesso il grano freddo
mescolate bene
in alcune ricette si aggiungono gli albumi a neve
 io non l'ho fatto perchè la crema che si è formata 
è già abbastanza morbida
Riprendete la frolla che stenderete su un piano infarinato
foderate con essa  una teglia  precedentemente imburrata
livellate eliminando gli eccessi di pasta frolla
versate tutto il contenuto
se avete aggiunto gli albumi ve ne avanzerà un pò per fare 
una crostatina piccola
livellate il composto
con il rimanente della frolla stesa tagliate delle strisce 
e coprite la pastiera creando la caratteristica grata più 
o meno larga, di solito la mia grata è più larga per mettere in 
evidenza il ripieno, quest'anno mi è venuta stretta, va bene
 comunque.
In forno a 180° per 60 minuti
la mia è stata 60 minuti + 20 minuti
comunque fino a quando non si colora abbastanza

lasciate raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo

aspettate qualche giorno prima di tagliarla almeno 1 giorno
N.B: ho cambiato le foto queste sono migliori rispetto alle precedenti 
BUONA PASQUA A TUTTI

11 commenti:

  1. Grazie per la storia di questa famosa ricetta per me e' sempre interessante conoscere le origini. La tua e' propio bella mi piacerebbe assaggiarla . Buona Pasqua !!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volentieri te ne mando qualche fetta; grazie per la visita e complimenti per il tuo blog.Buona Pasqua.

      Elimina
  2. Buonissima!!nn ho mai fatto la pastiera,la tua mi invoglia molto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio, è un dolce un pò laborioso ma ne vale la pena, qui a Pesaro dove vvo la amano in molti pur non avendola nella loro tradizione.Un bacione e buona pasqua a tutti in famiglia.

      Elimina
  3. Buona anche la tua versione, però è sbagliato farla il giovedì, perchè a casa mia sono quasi finite due pastiere!!!Troppo tempo per guardarle solo....ti auguro una serena Pasqua a te e famiglia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. co.ndivido in pieno, io ho dovuta nasconderla per poterla mangiare il giorno di Pasqua. Auguri

      Elimina
  4. grazie , anche a te un sincero augurio di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  5. Non ho mai fatto la Pastiera, sembra veramente buona!!! Complimenti !! Buona Pasqua :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio, buona Pasqua anche a te, è buona te ne offro volentieri una fetta.

      Elimina
    2. Caspita che bella..mica la mia!

      Elimina

ingredienti

acciughe aceto acqua di cocco albicocche albume alcool alkermes amarene amido anguria o cocomero arancia arista aromi asparagi avena baccalà banana basilico bicarbonato bietole birra biscotto branzino brioche bucce di cavolo burro burro d'olio cacao caffè canditi capperi carciofi carne carne tritata cavolfiore ceci ciliegie cime di rapa cioccolato cocco corn flakes crema crusca fagioli fagiolini farina farina di castagne farina ai 5 cereali farina di ceci farina di cocco farina di farro farina di mais farina di mandorle farina di orzo farina di riso farina di segale farina di semola farina Electa farina integrale fecola fichi formaggio formaggio spalmabile fragole frutta secca frutti di bosco fruttosio funghi gamberi gelatina glucosio grano grissini guanciale lasagna latte latte condensato latte di mandorla licoli lievito lievito di birra lievito madre secco mafalde maizena mandarini mandorle Manitoba marmellata marzapane mascarpone mela melanzane melone meringhe merluzzo miele mozzarella nocciole noce nutella olio olive orata orzo pan di spagna pancarrè pancetta pandoro pane pane grattugiato pane raffermo panna panna da cucina parmigiano pasta pasta brisee pasta di riporto pasta madre pasta per pizza pasta sfoglia patate pavesini pecorino peperone pere PESCE pesche pesto petto di tacchino philadelphia piadina piselli pizza polpo pomodoro prosciutto provola ricotta riso riso soffiato rum salmone salsiccia savoiardi semi semolino speck spinaci spumante tacchino tagliatelle tonno torrone uova uvetta verdura verza vino vongole yogurt yogurt greco zafferano zenzero zucca zucchero zucchero di canna zucchina

partecipo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...