Cucina della Campania: i frutti della Terra- Biancomangiare del poverello

























Biancomangiare è un dessert famoso in tutto il mondo
ma questa versione semplice e povera
si addice alla filosofia di vita che vi era una volta in Campania
piatti semplici,poveri ma genuini
il biancomangiare che vi offro questo mese per la rubrica di
Cucina e territorio di casa nostra  è senza  mandorle
ecco perchè del poverello che potevano permetterselo tutti
vediamo cosa occorre
35 gr di amido di riso
72 gr di zucchero semolato
375 ml di latte
buccia di limone  grattugiata
io di  Sorrento
Per la coulisse di uva
10 acini di uva
250 ml di acqua
1 cucchiaio di zucchero
2.3 cucchiai di porto
come si prepara
per il biancomangiare
in una casseruola sciogliete l'amido con un po' di latte
mescolate e aggiungete lo zucchero e il rimanente latte
poi la scorza grattugiata del limone rigorosamente di Sorrento
mettete sul fuoco, a fiamma bassa
fate cuocere sempre mescolando
una volta  rappreso
versate in uno stampo da budino o in una coppa
io ho usato un bicchiere
lasciate riposare qualche minuto poi passate in frigo per 2 ore
preparate la coulisse
in un pentolino versate l'acqua e lo zucchero semolato
lasciate sobollire aggiungete l'uva
lasciate cuocere  7- 8 minuti circa
spegnete, aggiungete il porto
mescolate
quando siete pronti per servire il dolce al cucchiaio
versate 2 cucchiai di coulisse sul biancomangiare
buonissimo,leggero,delicato eppure goloso
se è piaciuto a mio marito che non ama questi dolci
vuol dire che è proprio buono
note appena versate le gocce di latte nell' amido
si forma una colla ,che spavento,
poi aggiungendo altro latte si scioglie tutto
la coulisse può essere diversificata con atri frutti secondo la stagione































questo mese i frutti della terra è il tema scelto da noi
di cucina e territorio di casa nostra
vediamo le amiche cosa ci hanno regalato
LAZIO: acquacotta viterbese
Campania: io con il biancomangiare del poverello
PUGLIA: vincotto di uva
BASILICATA Strascinate con la ricotta e pomodori secchi
FRIULI VENEZIA GIULIA: marmellata di uva
Calabria: Mostarda di uva a fragola (confettura di uva)
questo il banner
le mie ricette

Commenti

  1. Che bontà! Deve essere delizioso, uno spettacolo per gli occhi e per il palato!

    RispondiElimina
  2. Sarà poverello ma ciò che conta è che è molto goloso !

    RispondiElimina
  3. anche se poverello è davvero molto goloso, io il cucchiaio e anche il dito ce li affonderei volentieri

    RispondiElimina
  4. Buonissimo e troppo goloso con abbinamenti che mi piacciono troppo ,bravissima,complimenti:))
    Un bacione e buon fine settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio sei dolcissima come il mio dessert,buon fine settimana a te

      Elimina
    2. Ciao Paola,questo dessert é una vera delizia!Le cose più semplici avvolte sono sempre le migliori! Hai realizzato un dessert meraviglioso e molto goloso!
      Bravissima!!!
      Un caro abbraccio e felice domenica!
      Laura<3<3<3

      Elimina
    3. Ti ringrazio,si è vero le cose semplice somo le più buone, buona domenica a te,baci

      Elimina
  5. ricetta assolutamente nuova questa per me, squisita!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero era nuova anche per me,un abbraccio a te e grazie di aver ricambiato

      Elimina
  6. io conosco quello siculo col latte di mandola e.....come vorrei assaggiare la tua versione, che acquolina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta il invece farò quello con le mandorle,felice lunedì

      Elimina
  7. non conoscevo questo dessert ed ora non vedo l'ora di provarlo. Golosissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima,mi fa piacere di averti incuriosita,felice giornata

      Elimina
  8. sarà del poverello ma io lo trovo golosissimo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si hai ragione povero ma goloso,grazie cara,buon lunedì

      Elimina
  9. Una vera novità davvero interessante brava!!

    RispondiElimina
  10. Una vera novità davvero interessante brava!!

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo questa versione,grazie per la condivisione.
    Ciao Paola,a presto!!!!

    RispondiElimina
  12. Che ricetta interessante e grazie per la condivisione! Buona giornata ^_^

    RispondiElimina
  13. ciao Paola
    sai che non ho mai fatto ancora il biancomangiare? buonissimo il tuo, amo i piatti tradizionali
    sai che mia mamma ha i tuoi stessi bicchieri???? corredo di nozze...
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i bicchieri erano di mia nonna,il suo servizio,penso,belli vero,adatti ad ospitare un dessert semplice,un bacione

      Elimina
  14. Non conoscevo questo dessert...poverello ma golosissimo!!!
    Baci e buona giornata<3

    RispondiElimina
  15. ma ciao! latitante da un po' ma scalpitante! non vedevo l'ora di riuscire a passare di nuovo dai miei blog preferiti! bella l'uva sul biancomangiare, sai che non l'avevo mai vista? un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene sono riuscita ad essere originale,grazie per la visita,pian piano ci rimettiamo in riga tutti,felice sera

      Elimina
  16. Semplice e super!!!! :PP
    Bravissima Paola,un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima,un bacione a te,felice pomeriggio

      Elimina
  17. Quanto i piace questo golosissimo dolce al cucchiaio, brava Paola!!!!

    RispondiElimina
  18. O_O non l'ho mai fatto, deve essere buonissimo!!

    RispondiElimina
  19. Carissima, che buono questo bianco mangire... anche se confesso non lo conoscevo! :(
    Grazie per gli auguri... un abbraccio :) ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

instagram